Quarta Caffè Monteroni (75): Durini (7), Quarta Lud. (2), Chirico (15), Latella (23), Ljoljic (12), Guido, Iacomelli, Errico (13), Pallara G. (2), Lorenzo, Martino. All: Sandro Argentieri.

 

Murgia Basket Santeramo (47): Difonzo E. (1), Stano (3), Lawes (11), Williams (21), Girardi L. (9), Ampomah (2), Girardi M. (n.e.), Perrone, Petruzzelli S. (n.e.), Petruzzelli M., Garofalo. All: Vito Console

 

 

Parziali: 19-16; 23-7; 17-12; 16-12

Progressivi: 19-16; 42-23; 59-35; 75-47

 

 

Arbitri: Giulio Di Vittorio di Ruvo di Puglia (BA) e Giuseppe Mazzilli di Corato (BA)

 

 

 

La Quarta Caffè Monteroni agguanta il terzo successo stagionale, superando tra le mura amiche del Pala “Quarta-Lauretti” la Murgia Basket Santeramo con il punteggio finale di 75-47, al termine di una sfida dominata dai gialloblù.

 

Sin dalle prime battute, i ragazzi di coach Sandro Argentieri hanno dimostrato il giusto atteggiamento, non sottovalutando la formazione avversaria ancora a secco di successi in questa prima parte di campionato.

 

Con la buona prestazione di Miroslav Ljoljic (12) e Antonio Chirico (15), protagonisti nella prima parte della sfida con canestri importanti che servivano a tracciare le misure per l’allungo decisivo, il momento chiave della sfida è arrivato nel secondo quarto quando, con una difesa a dir poco invalicabile, i salentini riuscivano a neutralizzare la pericolosità offensiva di Williams (21) e compagni e concedevano appena sette punti nei secondi 10’ di gioco, ispirati e trascinati da un incontenibile Francesco Errico (13), vero ago della bilancia su entrambe le metà campo.

 

La grinta dei tarantolati non è venuta meno dopo il riposo lungo, permettendo ai padroni di casa di scavare l’importante gap nei terzo periodo con i canestri del solito Latella (23) e l’energia profusa dai giovanissimi Alessandro Guido, Ludovico Quarta (2), Federico Lorenzo, Cosimo Iacomelli e Gianluca Pallara (2) che valevano il +24 (59-35 al suono della terza sirena).

Nonostante il rassicurante vantaggio, i giocatori in divisa griffata “Quarta Caffè” mantenevano alta la concentrazione e l’intensità difensiva, concedendo pochissimi spazi alle iniziative avversarie e gestendo con la giusta grinta il punteggio.

 

 

Con la maiuscola prova offerta stasera, i tarantolati raggiungono quota 6 punti in classifica e, soprattutto, si riscattano dalla prestazione poco appariscente in quel di Manfredonia. Quanto fatto vedere dai ragazzi in gialloblù rappresenta le qualità fondamentali per un team: spirito di squadra, sacrificio, grinta ed entusiasmo.

Tra sette giorni, l’undicesimo turno di campionato vedrà la NPM in trasferta ad Ostuni per affrontare i locali della Cestistica Ostuni: con queste frecce nel proprio arco, la formazione monteronese potrà giocare a viso aperto con i forti avversari.

 

 

Matteo LEO (foto di Mino LEO)