Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Nuova Pallacanestro Monteroni

News

Monteroni ritrova la vittoria con un'ottima prestazione

Sabato 7 Marzo 2015 in Prima squadra

 

Quarta Caffè-MD Discount Monteroni (76): Grosso (3), Ingrosso (13), Potì (17), Leggio (17), Mocavero (17), Paiano (6), Errico, De Giorgio, Leucci (1), Calasso. All: Antonio Lezzi.

 

Due Esse Martina Franca (58): Marengo (6), Mastroianni (2), Marchisio (8), Bruno (13), Nwokoye (6), Salvadori (8), Schiano (10), Di Marco (5). All: Aldo Russo.

 

Parziali: 23-15; 14-17; 27-14; 12-12.

Progressivi: 23-15; 37-32; 64-46; 76-58.

 

 

Nel recupero della ventesima giornata di campionato, la Quarta Caffè-MD Discount Monteroni torna a vincere dopo tre sconfitte consecutive, battendo al Pala “Quarta-Lauretti” la Due Esse Martina Franca con il punteggio finale di 76-58.

Prestazione positiva dei gialloblù, protagonisti per tutta la durata del match di una prova agonistica di livello, in cui non sono mai venute meno la giusta intensità e la voglia di vincere.

 

Nelle prima battute di gioco i padroni di casa appaiono molto più “cattivi” rispetto alle ultime uscite, pressando in difesa già nella metà campo offensiva. In attacco, coach Lezzi decide di puntare forte sullo strapotere fisico di Manuele Mocavero (17), incontenibile nel pitturato. Tra i più attivi anche un ottimo Federico Ingrosso (13), bravo a farsi trovare pronto dall’arco e lucido in penetrazione. I viaggianti rimangono comunque a contatto, soprattutto grazie alla buona vena realizzativa di Bruno (13) e il primo quarto va in archivio sul 23-15.

 

Il secondo periodo vede i salentini gialloblù intenti a più riprese nella fuga, ma i ragazzi di coach Russo non demordono e puniscono qualche disattenzione difensiva. Valentin Marchisio (8) si rivela un eccellente tiratore dalla media e lunga distanza, creando più di qualche grattacapo ai padroni di casa. Il grintoso Andrea Grosso (3), da leader, mostra con l’esempio una crescente intensità difensiva, che consente a Paiano (6) e compagni di rimanere sempre con la testa avanti. Entrando a match inoltrato, i giovani Francesco Errico e Francesco Leucci (1) si dimostrano ancora una volta validi elementi nelle rotazioni di coach Lezzi, recuperando palloni e agguantando qualche rimbalzo offensivo e difensivo. Dopo 20’ il tabellone segnapunti indica il risultato parziale di  37-32.

 

La NPM appare decisamente in crescita dopo le tre sconfitte consecutive, ma nel secondo tempo necessita comunque di una marcia in più. Dopo la classica chiacchierata negli spogliatoi, gli atleti monteronesi fanno il loro rientro sul terreno di gioco con lo sguardo di chi sa che deve dimostrare qualcosa; i minuti seguenti saranno un crescendo gialloblù, con i padroni di casa in grado di esprimere un gioco offensivo ben organizzato, preciso ed efficace. Alessandro Potì (17) mette a segno un paio di conclusioni dall’arco, seguito a ruota da Gianmarco Leggio (17). Se alla manovra offensiva fluida si aggiunge il vero e proprio muro difensivo innalzato dai monteronesi, si capisce come per la Due Esse ci sia poco da fare. Frastornati, i viaggianti perdono il contatto con gli avversari e si ritrovano, dopo la tripla a fil di sirena di Schiano (10), sul -18 che sancisce la fine del terzo periodo (64-46).

 

L’ultimo quarto è una formalità per i salentini, bravi a rimanere concentrati fino al termine del match senza permette clamorosi rientri a Salvadori (8) e compagni. La partita va così in archivio sul punteggio finale di 76-58.

 

Tornare al successo era obbligatorio, Monteroni ha portato a termine il compito, facendo intravedere segnali più che positivi. L’agonismo e la voglia di vincere non sono mai mancati in questo match che può rappresentare una spinta importante per il proseguimento del campionato. I gialloblù, domenica 15 marzo, ospiteranno la forte compagine dell’Aquila Palermo, attualmente in seconda posizione in classifica. Servirà una prova perfetta per tener testa ad un team ben coperto in ogni ruolo e pronto a lottare per salire di categoria: ma come dimostrato in svariate occasioni, una Monteroni carica mentalmente è avversario temibile per chiunque.

 

Matteo LEO