Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Nuova Pallacanestro Monteroni

News

Quarta Caffè Monteroni: il cuore non basta, vince Ostuni

Domenica 26 Novembre 2017 in Prima squadra

 

Cestistica Ostuni (87): Baraschi (3), Laquintana (28), Kasongo (29), Schiano (8), Masciulli (10), Di Salvatore (2), Tanzarella G. (3), Tanzarella E. (n.e.), Semerano (n.e.), Taliente (n.e.), Giannotte (n.e.), Doychinov (4). All: Coco Romano

 

Quarta Caffè Monteroni (76): Durini (11), Errico (4), Chirico (18), Latella (20), Ljoljic (17), Guido (3), Martino (n.e.), Lorenzo, Iacomelli, Quarta Lud.(3), Pallara G. All: Sandro Argentieri

 

 

Parziali: 21-21; 26-17; 20-17; 20-21

Progressivi: 21-21; 47-38; 67-55; 87-76

 

 

Arbitri: Giuseppe Russo di Taranto e Fabrizio Farina Valaori di Brindisi

 

 

Note: Uscito per 5 falli – Baraschi (O)

 

 

Sconfitta con amaro in bocca per la Quarta Caffè Monteroni in occasione dell’undicesimo turno del campionato di Serie C Silver pugliese. I gialloblù NPM sono stati superati in trasferta dalla Cestistica Ostuni con il punteggio finale di 87-76 dopo 40’ intensi e ben giocati dai viaggianti.

 

 

La partita iniziava con ritmi elevati su entrambi i fronti, con le due formazioni brave a rispondersi colpo su colpo. I padroni di casa si affidavano alla sapiente regia di Simone Baraschi (3), eccellente nell’orchestrare gli appuntamenti con il canestro dei compagni di squadra. Intorno alla metà della prima frazione, i brindisini piazzavano un parziale di 6-0, prontamente ricucito dall’energia di Francesco Errico (4), come sempre straordinario in difesa e a rimbalzo.

Particolarmente ispirato, Masciulli (10) creava qualche grattacapo nel pitturato ai tarantolati, ma i monteronesi riuscivano comunque a rimanere in scia e a chiudere in parità il primo quarto con il canestro dalla lunga distanza di Domenico Latella (20) che fissava il punteggio sul 21-21.

 

I secondi 10’ riprendevano seguendo lo stesso spartito, fatto di sorpassi e controsorpassi. Latella, Ludovico Quarta (3) e Antonio Chirico (18) spolveravano il fondo della retina avversaria, imitati immediatamente da Cedric Kasongo (29) e Vanni Laquintana (28). Proprio l’esterno in casacca numero 8 si rendeva assoluto protagonista della seconda frazione, realizzando ben 17 punti e punendo a ripetizione dall’arco dei sei metri e settantacinque. I viaggianti apparivano per la prima volta spaesati e, dopo una serie di errori, scivolavano sul -11 (40-32), fino ai canestri di Federico Durini (11) e del neoentrato Alessandro Guido (3) che interrompevano il digiuno della NPM.

Le due formazioni prendevano dunque la via degli spogliatoi sul parziale di 47-38.

 

Dopo la classica chiacchierata nel corso dei 15’ di pausa, i ragazzi di coach Sandro Argentieri mettevano nuovamente piede sul legno intrecciato del Pala “Gentile” e, sfruttando il buon momento di Antonio Chirico, piazzavano un parziale iniziale di 6-0.

I brindisini rispondevano con Kasongo e Schiano (8), ma il team griffato “Quarta Caffè” continuava a premere sull’acceleratore nonostante i quattro falli personali dell’eccellente Francesco Errico.

Nel momento di maggiore difficoltà, la Cestistica riusciva a riemergere grazie agli 8 punti consecutivi a firma del solito Kasongo che portava nuovamente in doppia cifra il vantaggio dei suoi, annullando le buone realizzazioni di Miroslav Ljoljic (17), efficace anche nella metà campo difensiva.

I tentativi di rientro dei viaggianti erano interrotti sul finale di quarto da due triple a firma di Baraschi e Giuseppe Tanzarella () che chiudevano il terzo periodo sul 67-55

 

 

Nella frazione decisiva, Monteroni tornava a mostrare i muscoli, ispirata dalle buone giocate di Domenico Latella e di Federico Durini. Tuttavia, la squadra di coach Coco Romano poteva affidarsi al talento del duo composto da Kasongo e Laquintana, mantenendosi sempre in vantaggio.

Nel momento migliore dei viaggianti, una tripla a fil di sirena dei 24” di Laquintana riportava il gap in doppia cifra a due minuti dal termine della sfida, chiudendo virtualmente i il sipario del match, conclusosi poi sul finale di 87-76.

 

 

Poco si può rimproverare al gruppo di coach Argentieri, mai domo e sempre pronto a lottare su ogni possesso. Il talento degli incontenibili Kasongo e Laquintana è stato il vero ago della bilancia della sfida, permettendo a Ostuni di avere la meglio nonostante le difficoltà create dal collettivo NPM.

 

 

Tra una settimana, i gialloblù torneranno al Pala “Quarta-Lauretti” in occasione del dodicesimo giro di giostra del campionato. Di fronte ai salentini, in data 3 dicembre (ore 18), ci sarà la Nuova Pallacanestro Ceglie, team che naviga nelle primissime piazze della classifica.  

 

 

Matteo LEO (foto di Mino LEO)