Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Nuova Pallacanestro Monteroni

News

Npm-Agropoli: Che peccato!

Lunedì 20 Ottobre 2014

 

Nuova Pallacanestro Monteroni (69): Grosso (7), Ingrosso (5), Potì (13), Leggio (25), Mocavero (17), Paiano (2), De Giorgio, Errico, Leucci, Calasso. All. Antonio Lezzi.

 

BCC Agropoli (82): Marulli (21), Romano (24), Iurato (11), Molinaro (2), Serino (8), Spinelli, Di Lascio, Borrelli (3), Palma (2), Birindelli (11). All: Antonio Paternoster.

 

Parziali: 17-17; 11-17; 23-21; 18-27.

 

Progressivi: 17-17; 28-34; 51-55; 69-82.

 

Arbitri: Francesco Pepe e Danilo Lucarella.

 

Note: usciti per 5 falli – Molinaro e Serino (Agropoli), Mocavero e Potì (Monteroni).

 

Niente da fare per la Nuova Pallacanestro Monteroni che deve rinviare ancora una volta l’appuntamento con il primo successo casalingo della stagione. I salentini sono stati battuti dalla BCC Agropoli con il punteggio di 69-82. Partita vivace e combattuta quella andata in scena al Pala “Quarta-Lauretti”, con i padroni di casa capaci di ricucire a più riprese gli allunghi degli avversari.

 

Coach Lezzi parte con il classico quintetto, composto da Grosso, Ingrosso, Potì, Leggio e Mocavero. Coach Paternoster risponde con Marulli in cabina di regia, Iurato in posizione di guardia, Romano da “3” e con il duo Molinaro-Serino a giostrare sotto le plance. L’avvio del match è equilibrato, con le due formazioni che preferiscono studiarsi nei primi minuti piuttosto che cercare immediati sussulti. Al momento giusto gli attacchi provano a colpire: in particolare Monteroni si affida alle giovani mani di Gianmarco Leggio (25), il quale risponde “presente” con un paio di conclusioni dalla lunga serata (solo le prime di una lunga serie…), mentre i viaggianti trovano punti preziosi grazie ad una buona circolazione di palla che riesce a liberare i tiratori dall’arco. I primi dieci minuti si chiudono sul 17-17.

 

Alla ripresa delle ostilità Agropoli appare più concentrata e “cattiva” degli avversari. Ernesto Duilio Birindelli (11) abbina tecnica e forza fisica, riuscendo più volte a correggere le conclusioni sbagliate dai compagni o a dare una seconda chance all’attacco biancoblù. Lezzi prova a cambiare l’andamento della partita schierando i due giovani Francesco Errico e Francesco Leucci, ma i viaggianti sono in piano controllo della situazione. Roberto Marulli (21) organizza alla perfezione, segnando e sfornando assist, mentre la NPM tocca anche la doppia cifra di svantaggio. Ci pensa ancora una volta Leggio a rimettere in carreggiata i salentini con tre triple ed uno svitamento sotto canestro ancora ben impresso negli occhi dei presenti. Si va negli spogliatoi con il risultato parziale di 28-34.

 

Dopo la chiacchierata con i rispettivi allenatori gli atleti sono pronti a riprendere il gioco. La partita diviene sempre più fisica, Davide Serino (8) e Lorenzo Molinaro (2) sfruttano la loro stazza per chiudere le linee di penetrazione a Federico Ingrosso (5) e Alessandro Potì (13). Rispetto al primo tempo, però, anche i gialloblù riescono ad arginare le offensive di Riccardo Romano (24) e compagni. Andrea Grosso (7) inizia a caricare di falli gli avversari guadagnandosi qualche viaggio in lunetta che si trasformano in punti preziosi. Anche Manuele Mocavero (17) fa il suo, assicurando i punti nel pitturato. Si entra nell’ultima frazione di gioco sul 51-55.

 

Come ci si attendeva alla vigilia, il match è equilibrato sino alla fine. Carmelo Iurato (11), Marulli e Romano sono le principali bocche di fuoco dei campani, mentre dall’altra parte un Leggio in formato “novello Re Mida” trasforma in punti tutto ciò che fa partire dalle sue mani. A fare la differenza nei momenti chiave del match è la maggiore lucidità degli ospiti che sfruttano qualche palla persa di troppo del Monteroni. Molinaro esce per cinque falli ma ormai la partita è indirizzata dalla parte biancoblù. I sogni di rimonta dei salentini si chiudono a poco più di un minuto dal termine , con la “bomba” dall’angolo messa a segno dal giovanissimo Iurato. Gli ultimi sessanta secondi vedono i padroni di casa costretti a spendere i classici falli tattici che fissano il tabellone su un menzognero 69-82.

 

Ennesimo successo per Agropoli che, dopo aver battuto a domicilio l’Amatori Pescara, supera in trasferta un’altra diretta concorrente per le prime posizioni. I campani salgono quindi a sei punti in classifica. Monteroni può dire di aver tenuto testa ad una squadra di alto livello ma non poi così lontana da quello dei ragazzi di coach Lezzi. Da migliorare l’attenzione nei momenti decisivi e la continuità nell’arco dei 40’. Le statistiche parlano di ben 18 punti concessi da palle perse, decisamente troppi. Tra una settimana, sempre al Pala “Quarta-Lauretti”, andrà in scena il derby contro Taranto. Un’occasione importante per consegnare ai propri instancabili supporters la prima vittoria tra le mura amiche.

 

Matteo LEO

 

Foto di Alessandro CONGEDO