Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Nuova Pallacanestro Monteroni

News

NPM - Entusiasmo alle stelle

Lunedì 22 Settembre 2014

 

Un’accoglienza calda e carica d’affetto per la Nuova Pallacanestro Monteroni nel giorno della presentazione ufficiale. La cittadella salentina non ha fatto mancare ai propri beniamini l’entusiasmo per l’imminente arrivo della stagione sportiva. Sede dell’evento di ieri sera, 21 settembre, il “Live Area Eventi”, traboccante di tifosi gialloblù di tutte le età. A interagire con atleti e dirigenti il noto giornalista Marcello Favale, coadiuvato da Arianna Spedicato, curatrice delle coreografie che hanno fatto da contorno allo spettacolo.

 

Sul palco hanno trovato posto anche le rappresentative giovanili della squadra monteronese, a evidenziare quanto la società punti sul proprio vivaio, da sempre fucina di talenti dell’oggi e del domani. A giudicare dall’entusiasmo dei presenti, anche i tifosi nutrono grandi aspettative dalle NPM formato “junior”, di stagione in stagione sempre competitive a livello regionale e non solo.

 

La temperatura dell’ambiente si è ulteriormente alzata al momento dell’annuncio dei componenti della prima squadra. Tra i più acclamati sicuramente il capitano, Alessandro Paiano che ha dichiarato: “Dopo le notizie dei problemi economici è stata una grande e splendida sorpresa il trovare questa squadra così competitiva e il poter continuare qui. Speriamo di fare bene”. Il lungo salentino ha concluso con una battuta: “Aspettative? Lo scorso giugno eravamo già al mare, il prossimo vorremo essere ancora in campo a sudare per questa maglia”.

 

Chiamato in causa ovviamente anche il coach Antonio Lezzi, apparso soddisfatto dall’ottimo precampionato sin qui disputato: “Il nostro è un gruppo equilibrato, non esistono primi e secondi quintetti. Non vogliamo fare proclami, l’obiettivo principale è quello di far crescere i nostri giovani che lasciano ben sperare per il futuro.” Interpellato su quello che sarà l’assetto in campo, l’allenatore ha ribadito: “Sfrutteremo i nostri punti cardini, abbiamo grande talento.

 

Elemento di grande talento sicuramente il giovane Gianmarco Leggio, tra i più in forma nelle amichevoli disputatesi. “L’anno di panchina in serie A con l’Enel Brindisi è stata un’esperienza formativa ed importante, ma ora ho tanta voglia di giocare e di fare bene qui a Monteroni.”

 

Altro volto nuovo è quello di Andrea Grosso, “direttore d’orchestra” di questa NPM. Chiesto il suo parere riguardo le pressioni e le responsabilità che il suo ruolo comporta, il playmaker ha risposto, carico: “Le responsabilità sono il bello dello sport” . E se detto dal fratello di chi ha realizzato il rigore decisivo in una finale del mondiale di calcio non si può far altro che credergli. Buon sangue non mente…

 

Chi avrà spazio e responsabilità sarà Alessandro Potì, il realizzatore che occuperà il ruolo di ala piccola titolare. Il forte atleta torna nel suo Salento dopo aver calcato vari parquet del resto d’Italia. “E’ bello tornare a casa, speriamo possa essere un’esperienza importante e vincente.”

 

Inevitabile l’ovazione anche per la ciliegina sulla torta della scorsa estate monteronese che risponde al nome di Manuele Mocavero. L’esperto e talentuoso lungo sarà chiamato a dare il giusto esempio ai propri compagni. “Fin da subito il gruppo è stato unito, pronto sia a scherzare al momento giusto sia a rimboccarsi le maniche. Squadre da temere? Non ne esistono, dobbiamo affrontare tutte le partite con la stessa mentalità vincente, senza pensare all’avversario che avremo di fronte.” Poi una richiesta esplicita: “Abbiamo bisogno dei nostri tifosi, caldi e pronti e sostenerci sempre”. A giudicare dalla massiccia presenza dei sostenitori all’evento e, precedentemente, alle sfide amichevoli, l’invito non cadrà nel dimenticatoio…

 

Per concludere, rimanendo in tema di ritorni, la parola è passata al general manager, Angelo Perniola, riabbracciato calorosamente dalla piazza dopo un anno dal suo “arrivederci”. “Sono tornato perché non era giusto, non era opportuno che otto anni passati partendo dalla C2 andassero perduti. La crescita fatta insieme era troppo importante, non meritavamo di tornare indietro nel tempo. La comunità monteronese è stata la chiava del mio rientro, grazie al suo entusiasmo e al suo enorme affetto. La nostra società è composta da gente entusiasta di quanto fatto e di quanto si farà. Solo uniti si vince!”.

 

L’estate è finita ma a Monteroni di Lecce continuerà a fare molto caldo…

 

Matteo LEO