Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Nuova Pallacanestro Monteroni

News

NPM: I gialloblù ritrovano i due punti!

Domenica 13 Gennaio 2019 in Prima squadra

 

Nuova Pallacanestro Monteroni (66): Errico, Calasso (7), Raupys (23), Drigo (5) Adekunle (16), Di Prospero (7), Quarta, Alemanno (n.e.), Pallara, Chirico (8). All.: Sandro Argentieri

 

Sunshine Basket Vieste (56): Compagnoni (12), Samija (6), Lauriola (2), Sorrentino (14), Simeoli (19), Hoxha (3), Gimma (n.e.), Tavaglione (n.e.), Agalliu (n.e.), Vieste. All.: Gianpaolo Ciociola 

 

 

Parziali: 15-6; 17-21; 18-15; 16-14

Progressivi: 15-6; 32-27; 50-42; 65-55
 

 

Arbitri: Angelo Lenoci di Massafra (TA) e Giuseppe Russo di Taranto

 

 

 

Dopo il “giro a vuoto” di domenica scorsa in quel di Ruvo, la Nuova Pallacanestro Monteroni ritrova il successo e lo fa battendo tra le mura amiche del Pala “Quarta-Lauretti” una diretta concorrente per la salvezza come Vieste. I salentini, con questa vittoria giunta con il punteggio finale di 66-56, salgono a quota otto punti in classifica, appaiando proprio la formazione foggiana.

 

Pronti, via e i ragazzi in gialloblù appaiono ben ispirati in zona d’attacco: Deji Adekunle (16) spolverava con continuità la retina del canestro, mentre Francesco Errico e Davide Drigo (5) si mettevano in luce con un paio di assist ben congeniati ed eseguiti. Sul fronte opposto, l’assenza di un totem offensivo come Markovic pesava sulla pericolosità dei biancoblù, incapaci di trovare la via del canestro costantemente. Al giro di boa del quarto, tuttavia, i padroni di casa iniziavano a scontrarsi con la dura difesa dei viaggianti, abbassando le percentuali al tiro e concludendo comunque in vantaggio la prima mini-frazione (15-6).

 

I secondi 10’ riprendevano le note stonate dei minuti precedenti: Monteroni faticava a costruire in attacco, anche a causa delle iniziative difensive avversarie ai limiti della regolarità, mentre Vieste, nonostante percentuali non particolarmente alte, riusciva a rientrare in scia con i punti portati in cassaforte da Roberto Simeoli (19). Per i tarantolati, le principali azioni passavano dalle mani di un frizzante Matteo Di Prospero (7), bravo tanto a mettersi in proprio quanto a trovare i compagni piazzati meglio. Al suono della seconda sirena, il punteggio si fermava sul 32-27.

 

Al rientro sul legno intrecciato, gli attacchi rimanevano alquanto sterili e il gioco continuava a palesarsi duro. A metà quarto, Samija (6) era costretto ad anticipare la doccia di fine partita dopo esser stato giustamente espulso per aver provocato platealmente il pubblico di casa: nel giro di un paio di azioni, i tarantolati coglievano la palla al balzo, sfruttando il buon momento di Simas Raupys (23) e di Lorenzo Calasso (7) e chiudendo il parziale sul 50-42.

 

Proprio quando i tarantolati sembravano sul punto di poter scavare un gap ancor più profondo, la confusione faceva il suo ritorno in campo. Gli errori si cumulavano su entrambe le metà campo, impedendo ai padroni di casa di mettere al sicuro il risultato. Nel momento di maggiore difficoltà, tuttavia, per i salentini saliva in cattedra l’esperienza di Antonio Chirico (8), fondamentale nell’indicare la strada ai giovani compagni e nel piazzare un paio di canestri dal peso specifico enorme. Frastornata, Vieste non era più in grado di reagire nonostante i tentativi di un positivo Sorrentino (14) e la NPM poteva festeggiare i due punti conquistati. 

 

 

Un successo preziosissimo per i ragazzi di coach Sandro Argentieri, capaci di portare a casa una vittoria che può rilanciare il morale dell’ambiente e confermare come il collettivo tarantolato abbia le carte in regola per mantenere la categoria. La strada è ancora lunga, in alcuni periodi del match la formazione gialloblù ha palesato la propria inesperienza e peccato di gioventù, ma la crescita passa anche da vittorie sudate come quella odierna.

 

Nel prossimo turno, la Nuova Pallacanestro Monteroni sarà impegnata nella difficile trasferta con la Cestistica Ostuni: palla a due in programma per le ore 18 di domenica 20 gennaio.

 

 

Matteo LEO (foto di Mino LEO)