Archivio notizie

Quarta Caffè Monteroni: che grinta! Al Pala "Quarta-Lauretti" i tarantolati tornano al successo

Pubblicato in Prima squadra - 2021-04-01 11:39:00

 

Quarta Caffè Monteroni (71): Lorenzo (4), Durini (19), Leucci (13), Opalevs (11), Banti (10), Lasorte (5), Pallara (2), Giordano (4), Stefanizzi (3), Colaci (n.e.), Calò (n.e.). All.: Sandro Argentieri

 

Adria Bari (60): Lupo (3), Rodriguez (14), Dimitrov (15), Meistas (17), Boyanov, Ravelli, Bernardi, Abrescia (4), De Leo (7), Genchi (n.e.), Pugliese (n.e.), Laudadio (n.e.). All.: Massimiliano Cazzorla

 

 

Parziali: 14-15; 17-16; 21-19; 19-10

Progressivi: 14-15; 31-31; 52-50; 71-60

 

 

Arbitri: Ambrogio Laterza di Mola di Bari (BA) e Lino Laveneziana di Monopoli (BA)

 

 

La Quarta Caffè Monteroni rompe la striscia negativa di tre sconfitte e torna al successo nel girone C del campionato di Serie C Gold. I tarantolati si sono imposti sull'Adria Bari nel turno casalingo infrasettimanale con il punteggio finale di 71-60, al termine di una prestazione collettiva spumeggiante e propositiva sin dalle primissime battute.

 

I gialloblù, esprimendo un gioco corale fluido e ad altà intensità, hanno trovato risposte importanti da tutti gli atleti scesi in campo, perfetti nel portare in dote il giusto contributo in un match equilibrato.

 

Il team griffato "Quarta Caffè" scendeva in campo con il giusto atteggiamento, creando numerose occasioni pericolose e cercando di contenere le iniziative avversarie. Federico Lorenzo (4) guidava alla perfezione con intraprendenza le scorribande dei tarantolati, mentre sul fronte opposto il pariruolo Lupo (4) provava a mettere in moto i compagni di squadra. I padroni di casa, nonostante i problemi di falli del faro Diego Banti (10) trovavano le giuste energie grazie a Giulio Giordano (4). I primi 10' andavano in archivio sul parziale di 14-15.

 

Il secondo quarto non cambiava spartito: le due formazioni continuavano a darsi sportivamente battaglia in un match fisico e tattico. Pallara (2) e Stefanizzi (3) assicuravano minuti di qualità al roster dei padroni di casa, mentre coach Cazzorla poteva fare affidamento sullo straripante Meistas (17), autentica spina nel fianco della difesa salentina. Rolands Opalevs (11) non si tirava indietro nel pitturato, agguantando preziosi rimbalzi e rappresentando un punto di riferimento per i compagni di squadra. I ritmi elevati, al netto di qualche errore fisiologico, garantivano una sfida altamente godibile, interrotta dal secondo suono della sirena sul punteggio di 31-31.

 

Recuperate le energie in vista della seconda parte del match, i due roster tornavano sul legno intrecciato del Pala "Quarta-Lauretti" pronte a duellare per portare a casa i due punti in palio. Banti metteva a segno tre conclusioni consecutive dalla media distanza, mettendo in seria difficoltà la difesa biancorossa. Tra i viaggianti si facevano notare dall'arco Rodriguez (14) e Dimitrov (15), mantenendo a strettissimo contatto le due formazioni, brave a rispondersi colpo su colpo: dopo 30', il tabellone segnapunti indicava il punteggio di 52-50.

 

Nella frazione decisiva, le due squadre non indietreggiavano di un millimetro, comprendendo il peso specifico di una possibile vittoria al termine di una vera e propria battaglia sportiva. Il gioco fisico non scalfiva gli attacchi, con Francesco Leucci (13) e Federico Durini (19) autori di preziosissime conclusioni dalla lunga distanza grazie anche alle precise imbeccate di un propositivo Andrea Lasorte (5). L'Adria Bari non intendeva alzare bandiera bianca, supportata da De Leo (7) e dal solito Meistas: tuttavia, nel momento di massimo sforzo, il collettivo tarantolato riusciva a strappare un mini allungo rivelatosi decisivo. Un doppio fallo tecnico fischiato alla panchina barese segnava la definitiva svolta nel match, con gli ultimi minuti gestiti alla perfezione dai padroni di casa.

 

 

L'intero ambiente cestistico tarantolato attendeva una simile prestazione, vero e proprio riscatto dopo i k.o. rimediati nei precedenti turni. Oltre al risultato, sicuramente importantissimo, è stato l'atteggiamento messo in mostra dai salentini a infondere nuova fiducia ad un collettivo giovane e talentuoso, desideroso di rimettersi in corsa dopo un periodo di appannamento. Quando una squadra rema con decisione nella stessa direzione, i risultati non tardano ad arrivare, anche di fronte ad un team in forma come l'Adria Bari, autrice di una prestazione intensa e apprezzabile.

 

Dopo la sosta pasquale, i ragazzi di coach Sandro Argentieri torneranno in campo nella serata di domenica 11 aprilequando, a partire dalle ore 19, saranno impegnati nell'appuntamento in trasferta con la Nuova Virtus Molfetta: il morale e le ottime sensazioni raccolte in quest'ultimo turno saranno preziosi alleati in vista della prossima interessante sfida.

 

Matteo Leo (foto di Mino Leo)

Commenti