Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Nuova Pallacanestro Monteroni

News

Un codice per gli sportivi

Martedì 17 Luglio 2012

 

 

Una sorta di costituzione per atleti, tifosi, tesserati e società. Ecco come descrivere il “codice di comportamento sportivo” presente sul sito FIP.

Tale codice è articolato in più punti e mette in luce i comportamenti che ogni tipo di sportivo dovrebbe tenere. Eccolo riassunto in breve.

 

Il primo articolo (“Osservanza della disciplina sportiva”) invita ogni tesserato o affiliato a osservare le regole stabilite dalla Federazione e dal CONI e, inoltre, esorta le società a collaborare per punire i comportamenti illeciti.

 

Il secondo, noto come “principio di lealtà” invita a cooperare nel rispetto delle regole imposte ed è strettamente collegato ai successivi. Infatti seguono il “divieto di alterazione dei risultati sportivi” (che, come purtroppo stiamo sperimentando nel mondo pallonaro nostrano, non è sempre rispettato) e il “divieto di doping”.

 

“Principio di non violenza” e “principio di non discriminazione”, invece, non riguardano solo atleti e tesserati ma anche (e in alcuni casi, soprattutto) i tifosi. Comportamenti finalizzati a ledere l’integrità fisica-morale del prossimo sono punibili.

 

Nel “principio di imparzialità” è scritto che “Al di fuori di rapporti contrattuali leciti e trasparenti, i tesserati, gli affiliati e gli altri soggetti dell'ordinamento sportivo non chiedono né accettano, per sé o per altri, somme di denaro, regali o altri benefici, qualora essi accedano il modico valore e siano offerti in connessione con lo svolgimento dell'attività in ambito sportivo.”

 

A concludere il codice vi sono la “tutela dell’onorabilità degli organismi sportivi” e il “dovere di collaborazione” in cui si esorta a sostenere le Federazioni in termini di giustizia e correttezza sui campi.

 

Come già detto in precedenza, questo codice è comune a tutte le federazioni italiane sportive ed è assai importante conoscerne i contenuti.

 

 

Matteo LEO